Shinrin-yoku, quando il bosco ti guarisce

Scritto da

Ritrovare il benessere con l’arte giapponese del “bagno nella foresta”

Vai in un bosco. Cammina piano. Respira. Apri tutti i tuoi sensi.

Questo è il modo di guarire della Shinrin-yoku,  la medicina del “semplice essere” in un bosco o in una foresta.

La foresta che bagna

L’espressione Shinrin-yoku, “foresta che bagna”, fu coniata negli anni ’80 dai funzionari governativi dell’agenzia delle foreste del Giappone. Il suo obiettivo? Incoraggiare stili di vita più sani facendo passeggiate regolari in boschi appositamente designati.

Non è solo un concetto romantico e bucolico: è scientificamente provato che il contatto con la natura migliori la salute. I ricercatori, principalmente in Giappone, hanno creato una robusta raccolta di pubblicazioni scientifiche sui benefici per la salute derivanti dal trascorrere del tempo sotto il tetto di una foresta vivente, studi divenuti una pietra miliare delle cure sanitarie preventive e della guarigione nella medicina giapponese.

Secondo innumerevoli studi, lo Shinrin-yoku aumenta il sistema immunitario, riduce gli ormoni dello stress, migliora il benessere mentale, rafforza la salute del cervello. Un rapporto afferma addirittura che possa abbassare i livelli di glucosio nel sangue tra i malati di diabete.

Il “bagno nella foresta” influisce su tutti i sensi: vista, olfatto, gusto, tatto, udito. L’esperienza è stata progettata nel suo nascere per aprire la mente e fortificare il corpo attraverso varie situazioni sensoriali, dal camminare su piccole pietre per massaggiare i piedi e migliorare la circolazione sanguigna alla respirazione degli aromi della foresta.

Visitare un’area naturale e camminare in modo rilassato, procura benefici calmanti, ringiovanenti e riparativi: una vera e propria pratica antiaging.

Camminare almeno quaranta minuti in un bosco

L’attività fisica nel corso di una camminata di 40 minuti in un bosco è stata associata a un miglioramento dell’umore e delle sensazioni di salute, forza, serenità, benessere.

Lo Shinrin-yoku sembra mitigare in modo significativo la causa alla radice di una moltitudine di disturbi: lo stress.

Lo stress eccessivo può avere un ruolo nell’insorgere di cefalee, ipertensione, problemi cardiaci, diabete, malattie della pelle, asma e artrite.

Intuitivamente percepiamo una forte attinenza con il mondo naturale; a suffragare questa sensazione, negli ultimi decenni sono stati condotti molti studi scientifici a dimostrazione dei meccanismi che si trovano dietro agli effetti curativi del semplice trovarsi in aree selvagge e naturali (alcune di queste ricerche sono disponibili a fine articolo).

Ad esempio, molti alberi emettono composti organici che supportano le nostre cellule NK (Natural Killer) che fanno parte del modo in cui il nostro sistema immunitario combatte il cancro.

Quali sono i benefici dello Shinrin-yoku?

Secondo gli studi condotti, sono i seguenti.

  • Riduzione dello stress
  • Aumento del livello di energia
  • Miglioramento del sonno
  • Riduzione della pressione sanguigna
  • Miglioramento dell’umore
  • Aumento della capacità di concentrazione, anche nei bambini con ADHD
  • Recupero accelerato post intervento chirurgico o malattia
  • Miglioramento del sistema immunitario, aumento del conteggio delle cellule Natural Killer (NK).

Altrettanto impressionanti sono i risultati immediatamente visibili se si inizia a praticare regolarmente lo Shinrin-yoku: aumento generale del senso di felicità, aumento del flusso di energia, intuizione più profonda e chiara, maggiore capacità di empatizzare e comprendere, aumento del flusso della forza vitale e dell’eros.

Aprire i nostri sensi alla natura sviluppa anche la nostra intuizione inducendoci a comprendere in modi nuovi il mondo che ci circonda.

Come si pratica lo Shinrin-yoku?

Questa pratica combina piacevoli passeggiate su sentieri facilmente percorribili in un bosco con attività guidate per aiutare ad aprire i sensi, affinare l’intuizione e vivere la foresta in modo totalizzante.

Lo Shinrin-yoku attinge a pratiche di meditazione, di consapevolezza, alle tecniche di mentoring e di connessione con l’ambiente circostante, situazioni che mobilitano il potere connettivo e curativo della natura.

Per riassumere, il “bagno nella foresta” deve quindi essere visto come la possibilità di trasformare il nostro rapporto culturale con l’ambiente naturale attraverso la promozione di relazioni più profonde ed esperienze positive con le aree boschive.

Che cosa possiedi di te stesso dentro un bosco? La tua anima è nelle foglie.

Fabrizio Caramagna

 

 

Ricerche di riferimento

Shinrin-Yoku (Forest Bathing) and Nature Therapy: A State-of-the-Art Review.  QUI

Trends in research related to “Shinrin-yoku” (taking in the forest atmosphere or forest bathing) in Japan. QUI

The physiological effects of Shinrin-yoku (taking in the forest atmosphere or forest bathing): evidence from field experiments in 24 forests across Japan. QUI

The importance of the exposome and allostatic load in the planetary health paradigm. QUI

Psychological Benefits of Walking through Forest Areas. QUI

 

Puoi scrivermi a paolafinardi@agemony.com

Puoi seguirmi su Instagram

Puoi leggere gli altri miei articoli qui autori/finardi-paola

 

Photo Credits alphacoders.com, Gli alberi raccontano WordPress.com, National Park Service, pixabay, turismo.it

Autore

Paola Finardi

Paola Finardi

Caporedattore di Agemony e Autore per la rubrica Youniverse, in cui si occupa di divulgazione nei vari campi della sfera psico-fisica umana. Mentre frequenta ..