Ecco perché abbiamo bisogno di un abbraccio ogni giorno

Scritto da

Qual è il giorno giusto per dare un abbraccio? Ogni giorno

E’ un dato assodato che parliamo molto e abbracciamo sempre di meno. Abbiamo a disposizione vari mezzi di comunicazione eppure abbiamo meno occasioni di interagire direttamente con un linguaggio del corpo oltre le parole dette o scritte.

L’affascinante danza non-verbale degli abbracci

Un abbraccio dalla persona giusta toglie ogni traccia di stress. Vuoi sentirti felice oggi? Abbraccia una persona cara. Gli abbracci mentali non contano, devono essere fisici per avere un effetto taumaturgico. Sappiamo che un abbraccio può farci sentire molto meglio, ma perché il corpo ne ha bisogno?

Una serie di studi indica che questo semplice atto di gentilezza può dare beneficio a chi lo dona e a chi lo riceve. Tuttavia, quali sono questi vantaggi? Un abbraccio abbassa la pressione arteriosa, sincronizza i cuori, regolarizza la respirazione, aumenta la produzione dell’ormone ossitocina, fattore che spiega perché gli abbracci ci trasmettano serenità.

L’ossitocina è un neurotrasmettitore che aiuta il centro emotivo del cervello con sentimenti di felicità e riduzione di stress e ansia. Si è dimostrato come questa molecola renda gli uomini più affettuosi e il legame affettivo più forte.

Vuoi una vita sessuale migliore a qualunque età?

Abbracciare il partner, aumenta le prestazioni sessuali, quasi fosse una sorta di viagra naturale.

L’ossitocina favorisce la riduzione del cortisolo, ormone preposto ad affrontare lo stress che se tuttavia è secreto in modo cronico può danneggiare il corpo arrivando anche a esaurire le ghiandole surrenali. Ossitocina e abbracci si combinano così bene che proteggono dalle malattie cardiache, secondo una ricerca condotta dalla University of North Carolina.

Questo accade perché chi non abbraccia il proprio partner ha un aumento della frequenza cardiaca mediamente di dieci battiti al minuto.

Un altro studio condotto dalla Carnegie Mellon University di Pittsburgh, in Pennsylvania,  suggerisce che chi supporta con l’abbracciare le proprie pratiche sociali ha meno probabilità di ammalarsi a causa dello stress. La Carnegie ha condotto l’esperimento su 404 adulti sani.

Per quattordici giorni consecutivi, ognuno dei soggetti partecipanti ha compilato, di sera, un questionario. Le risposte hanno evidenziato il peso del sostegno sociale nel risolvere i conflitti interpersonali mentre le frequenze degli abbracci sono state annotate dal team di ricercatori attraverso interviste telefoniche quotidiane.

A differenza di altre forme di medicazione, gli abbracci non costano nulla in termini economici

Dopo due settimane di test, i soggetti sono stati intenzionalmente esposti ad un virus del raffreddore e controllati in quarantena per osservare l’infezione nell’insieme, segni e sintomi.

I risultati hanno mostrato un rischio minore d’infezione in coloro che avevano ricevuto maggior sostegno sociale. Tra le persone infettate dal raffreddore, i sintomi sono stati più miti per coloro che hanno ricevuto il sostegno sociale e hanno partecipato ad abbracci frequenti.

Gli abbracci hanno costituito il 33% del potenziale protettivo sociale, una quantità considerevole sotto tutti i punti di vista.

Oltre alla valenza psicologica va considerata anche quella  fisiologica,  infatti  durante un abbraccio,  l’organismo produce  endorfine,  sostanze  prodotte  dal  cervello  in grado di abbassare la soglia del dolore e di aumentare la sensazione di piacere e benessere.

Concludendo, un abbraccio avvolgente ci fa sentire più sani e felici, più sensuali, più affascinanti, più benvoluti e amati e ci induce a sorridere con l’aiuto dell’amica ossitocina.

Migliaia e migliaia di anni
Non basterebbero
Per dire
Il minuscolo secondo d’eternità
In cui tu m’hai abbracciato
In cui io t’ho abbracciato.

Jacques Prévert

Potete trovare le ricerche citate nell’articolo qui UNC research e qui Carnegie Mellon University research.

 

L’abbraccio nello sport implica riconoscenza per un lavoro ben fatto, spirito di squadra e sostegno

 

Puoi scrivermi a paolafinardi@agemony.com

Puoi seguirmi su Instagram o su Facebook

Puoi leggere gli altri miei articoli qui autori/finardi-paola

 

 

Photo Credits CNN, idnews.co.id

Autore

Paola Finardi

Paola Finardi

Caporedattore di Agemony e Autore per la rubrica Youniverse, in cui si occupa di divulgazione nei vari campi della sfera psico-fisica umana. Mentre frequenta ..