L’importanza della percezione

Caro Lettore,
in questa “strana estate”, dove le stranezze metereologiche che stanno imperversando in molti paesi non sono, ahimè, il problema più grande che stiamo affrontando, voglio ricordarTi la Tua grandezza.

Si perchè presi dal turbinio della quotidianità quasi tutti noi che viviamo questa vita (per lo meno noi “occidentali”) non ci accorgiamo di esserci persi di vista. A definire i ritmi e le modalità di questo apparentemente ineluttabile modo di vivere, non sono solo gli impegni e gli obiettivi sempre più sostenuti, ma anche e da troppo tempo ormai, il carico di emozioni come angoscia, scoraggiamento, ingiustizia, dubbi sul futuro e paura che aleggiano attorno a noi.

Tutto questo ci porta per lo più a “galleggiare” su questa meravigliosa cosa chiamata vita, sopravvivendo, per la maggior parte del tempo in qualche modo, utilizzando le nostre (poche) risorse per risolvere i problemi, “fare i compiti” quotidiani, e barcamenarci nella speranza, da pochi ancora condivisa, che qualcosa cambierà a breve e che appunto, dobbiamo solo resistere, senza renderci conto, proprio perchè soppraffatti dalla “stanchezza del vivere quotidiano” degli strumenti di bellezza e di benessere che invece ancora esistono e ci circondano.

Capo e coda di questo pasticcio, è la perdita della capacità di percepire noi stessi in qualsiasi momento: il nostro corpo, la nostra mente, la nostra anima nel qui ed ora. Nella sfumatura negativa (un iniziale disturbo addominale o digestivo, uno squilibrio del sonno o dell’umore, o uno fisico muscolare o articolare di altro tipo) o in quella positiva (sentire il tono dei nostri muscoli, la forza e l’energia vitale del nostro corpo, l’efficienza della nostra percezione mentale, del “problem solving” e della creatività, e la nostra energia sessuale).

Perchè e come ci insegna la Medicina Funzionale ovvero la Medicina della Salute, l’inizio dei problemi è proprio questo: la non percezione di noi. Che corrisponde al momento in cui un semplice sintomo viene trascurato, non ascoltato o, ancora peggio, “silenziato” con terapie intempestive che solo ci illudono di risolvere il problema sul nascere ma che, di fatto, lo spostano a un livello potenzialmente più dannoso per la nostra salute: è l’esempio dell’uso improprio di un farmaco anti dolorifico che anzichè agire sulla possibile causa del dolore, ovvero l’infiammazione e scoprirne le cause, lo nasconde, potenziando l’effetto continuativo del danno infiammatorio prolungato e allontantando la diagnosi corretta (a livello di qualsiasi organo o apparato). O è l’esempio dell’uso intempestivo o inappropriato della terapia ormonale sostitutiva tiroidea in un momento di “semplice” e fisiologica reattività al vivere quotidiano della nostra tiroide (vero “termostato dello stress” a fattori metabolici, immunitari, ambientali e psicologici), e corrispondente a una situazione subclinica invece che patologica: in altri termini, “semplice” movimento del TSH a fronte degli ormoni tiroidei fT3 e fT4 normali, situazione molto frequente che non deve essere sostituita ma solo supportata!. O ancora la non percezione di segnali che il nostro corpo ci da quotidianamente (se lo ascoltiamo) come il senso di affaticabilità precoce o apatia, la debolezza muscolare, le facili sudorazioni, le sindromi infiammatorie localizzate (del tratto digestivo ma anche vascolare, fisico, mentale o altro), la perdita della lucidità mentale (o di memoria, o di reattività efficace), che se non affrontate, indipendentemente dall’età, possono sfociare in malattia vera e propria: sindrome metabolica con obesità e diabete e ipertensione, osteoporosi, fragilità immunitaria, impotenze funzionali articolari o precoci invalidità, sindromi depressive o psicotiche, infertilità (per citarne alcune).

L’aver perso la capacità pura di ascoltarci (nelle nostre debolezze, nella nostre forze e nelle nostre esigenze) per star dietro ai ritmi della vita, agli altri, e a altre priorità, ha fatto si che pochi di noi, anche in questo momento, sono presenti a se stessi: nella percezione degli stimoli benefici che il Tuo corpo Ti sta dando, nella percezione della Tua forza e lucidità mentale, delle Tue esigenze che stai assecondando. O, per contro, nella non percezione di quell dolorino muscolare potenziale segno di iniziale ernia discale o fibromialgia che può essere “semplicemente” corretto investendo sulla Tua postura, sul Tuo allenamento, sulla Tua nutrizione quotidiana, sulla Tua felicità. O nella non percezione di quell senso di gonfiore persistente attorno all’ombelico (associato o meno a alterazione del Tuo quotidiano transito intestinale), o a livello sotto diaframmatico e accompagnato a senso di amaro in bocca o di bruciore retrosternale.

Ognuno di noi ha in sè una debolezza (come predisposizione) e una forza.
L’errore più grande, frutto non di colpe ma piuttosto di abitudini “salva-vita” in cui possiamo incorrere è proprio quello di non avere il coraggio di ascoltarci e di rispettarci, perdendo così l’occasione non solo di essere felici, ma di rimanere in salute.

Vedrai esplorandoci, caro lettore, quanto incredibile è la Tua potenziale riserva di recupero e risorsa nel creare la Tua salute, e quali e quanti sono gli strumenti anche insospettabili per uscire da questo meccanismo vizioso.

Buona lettura

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Potrebbero interessarti anche