Leggere e scrivere, due attività che mantengono sano il cervello

Scritto da

Leggere e scrivere, due attività che apportano numerosi benefici alla salute psicofisica di ogni individuo e a qualunque età. Lo dice la scienza: grazie a lettura e scrittura, infatti, possiamo intraprendere un maggior numero di attività che stimolano e migliorano le nostre risorse mentali, rendendole più flessibili e ricettive.

La ricerca

Una recente ricerca condotta da Jennifer Manly – Professoressa di Neuropsicologia e ricercatrice presso la Columbia University Vagelos College a New York – su un campione di 1000 individui con un’età media di 77 anni, tra cui 237 analfabeti – ha dimostrato che tali attività si associano a un rischio ridotto di demenza.

Leggere e scrivere potrebbero essere, quindi, due fattori importanti per mantenere il cervello sano.

Nella prima fase dello studio, i cui risultati sono stati pubblicati dalla prestigiosa rivista americana “Neurology, il 35% degli analfabeti ha presentato segni di demenza contro il 18% di coloro che sapevano leggere e scrivere. Dopo circa quattro anni, il 48% degli analfabeti presentava segni di demenza contro il 27% di coloro che sapevano leggere e scrivere.

I ricercatori hanno stimato, quindi, che gli analfabeti hanno un rischio di demenza tre volte superiore rispetto agli altri, a parità di condizioni quali età, sesso, stato socio economico e salute cardiovascolare.

“Leggere quotidianamente il giornale o periodicamente un libro, oppure aiutare i nipoti con i compiti a casa” – secondo la professoressa Manly sono attività che proteggono maggiormente dalle patologie croniche caratterizzate da deficit cognitivi e disturbi del comportamento in età avanzata.

“Mens sana in corpore sano

Uno studio che conferma la ben nota e antica affermazione “Orandum est ut sit mens sana in corpore sano: bisogna chiedere agli dèi che la mente sia sana nel corpo sano” (Giovenale Sat. X, 356).

Come alleniamo il corpo attraverso le diverse discipline sportive, così possiamo allenare la mente per mantenerli entrambi in salute e vivere in un equilibrio psicofisico ottimale.

Ecco i principali benefici che possiamo ottenere se pratichiamo regolarmente la scrittura e la lettura:

–       Scrivere aiuta a comunicare bene: mettere per iscritto un pensiero può essere più efficace di una conversazione.

–       Scrivendo, possiamo eliminare lo stress perché è un modo per sfogarsi.

–       Grazie allo scrivere, possiamo essere più produttivi perché si attivano i neuroni e ci si predispone positivamente a superare le sfide.

–       Mettendo nero su bianco i pensieri, ci possiamo “osservare” da un punto di vista esterno.

–       Scrivere e leggere migliorano le capacità di apprendimento e il livello di attenzione, ampliando le possibilità di conoscenza. Leggere espande e arricchisce il nostro vocabolario.

–       La scrittura fa prendere decisioni migliori, schiarisce i pensieri, aiuta a metabolizzare le sofferenze e il dolore. Avere pensieri di qualità aiuta a fare scelte di qualità, soprattutto nei momenti difficili.

–       Leggere rende più forte la capacità analitica del pensiero e migliora la memoria.

–       Leggere una bella storia genera tranquillità, perché ci fa immergere in un mondo parallelo in cui ci dimentichiamo dei nostri problemi.

–       Leggere migliora, infine, le abilità di scrittura.

 

 

 

 

Si rende noto che le immagini presenti negli articoli riportano la fonte e/o l’autore, quando noti, e sono utilizzate esclusivamente a scopo illustrativo e divulgativo. Qualora dovessero violare eventuali diritti di Copyright, si prega di comunicarlo al seguente indirizzo email per la rimozione delle stesse: info@agemony.com

Autore

Antonella Alberici

Antonella Alberici

Responsabile Ufficio Stampa di Agemony. Laureata in Comunicazione e Mass Media presso Università La Sapienza di Roma, iscritta all’Ordine dei Giornalisti ..