La Sedentarietà Ci Fa Ammalare

Scritto da

Studi recenti stanno rivelando importanti associazioni tra l’atto di sedersi – soprattutto per periodi di tempo prolungati – e il rischio di morte prematura. È importante l’allarme sul legame esistente tra seduta prolungata e cancro – coloro che praticano attività sedentarie devono adottare misure per proteggersi dal rischio di sviluppare una neoplasia.

L’italiano  medio siede per 15,5 ore al giorno, la maggior parte delle persone trascorre solo una piccola parte del proprio tempo in piedi.

Secondo fonti accreditate dell’American Institute For Cancer Research, ogni anno negli stati uniti si potrebbero prevenire fino a 173.000 nuovi casi di cancro se ci si si limitasse a sedersi di meno.

Circa 49.000 casi di cancro al seno all’anno sono attribuiti a troppo tempo speso in posizione seduta, insieme a 43.000 casi di tumore del colon, 37.300 casi di cancro ai polmoni, 30.000 casi di cancro alla prostata, 12.000 casi di cancro endometriale e 1.800 casi di cancro ovarico a completare il bilancio annuale per una postura troppo prolungata.

 

Lo stile di vita sedentario è associato a morte prematura

Oltre ad aumentare il rischio di cancro, la seduta prolungata è associata a morte precoce per malattie cardiache, ictus, diabete di tipo 2, ipertensione arteriosa, cadute, condizioni neurodegenerative e malattie respiratorie. Insieme all’innalzamento del rischio di mortalità, la mancanza di attività fisica è associata sia all’osteoporosi che alla sindrome depressiva.

Dati clinici del Current Oncology Reports, hanno evidenziato che le persone che hanno trascorso oltre un decennio in occupazioni sedentarie hanno raddoppiato il rischio di cancro al colon.

Un altro studio che ha coinvolto 123.000 partecipanti ha mostrato che il rischio di mortalità è aumentato in proporzione alla quantità di tempo trascorso dalle persone in posizione seduta.

Le donne che sedevano più di sei ore al giorno avevano un rischio di mortalità del 37% più alto rispetto alle donne che sedevano meno di tre ore e le donne che sedevano per molte ore – e non praticavano alcun esercizio fisico  – aumentano il rischio di mortalità di uno sconcertante 94%.

Per quanto riguarda gli uomini, stare seduti per sei ore al giorno aumenta il rischio di mortalita’ del 18%.

 

L’esercizio fisico attiva molteplici meccanismi contro il cancro e altre malattie

L’attività fisica stimola il sistema immunitario, aumenta la sensibilità all’insulina, riduce l’infiammazione e migliora i sistemi enzimatici antiossidanti. Inoltre, tende a ridurre il rischio di obesità, ottimizza la riparazione del DNA e riduce lo stress ossidativo.

In particolare, l’esercizio riduce il rischio di malattia del colon perché riduce la concentrazione di acido biliare fecale e diminuisce il tempo di transito gastrointestinale. Inoltre l’attività fisica riduce il rischio di tumori del seno, dell’endometrio e delle ovaie alterando la produzione di ormoni steroidei sessuali.

Effettuare una pausa di uno o due minuti dalla posizione seduta – ogni ora – può arrecare notevoli benefici per la salute.

I partecipanti di uno studio mirato che hanno interrotto una sessione di lavoro dalle loro postazioni per muoversi attivamente per almeno un minuto hanno sperimentato girovita più piccoli, meno insulino-resistenza e ridotta infiammazione.

L’atto di mettere in movimento il corpo diminuisce istantaneamente i marcatori infiammatori come la proteina C-reattiva insieme alla riduzione  del carico glicemico e lipemico.

Le attuali linee guida del National Institutes of Hhealth richiedono un minimo di due ore e mezza a settimana di attività aerobica di moderata intensità. Tuttavia anche le persone che si esercitano vigorosamente dovrebbero comunque ridurre al minimo il tempo di seduta per evitare problemi di salute.

Property: Colorado State Health and Wellbeing

 

Per seguire il Dottor Sergio Resta SITO WEB

Per scrivergli una mail hotsurgery@libero.it

Per telefonargli 348 6424978

 

[Photo Credits americaninno.com, pinterest.com, communitycouncil.org, feujworld.fr]

Autore