Immunoterapia Cart-T Pietra Miliare Nel Trattamento Del Cancro

Pochi trattamenti contro il cancro, con un futuro così promettente, sono stati implementati come l’utilizzo del sistema immunitario dello stesso paziente.

Noto come terapia con cellule T del recettore dell’antigene chimerico, o CAR-T, questo trattamento immunoterapico utilizza cellule T killer riprogettate per attaccare le cellule tumorali, ma causa anche effetti collaterali potenzialmente mortali.

L’attuale sistema CAR-T presenta tre difetti fondamentali: la specificità dell’obiettivo; la forza di risposta; la mancanza di capacità di adattamento, che è essenzialmente il problema della recidiva. La nuova metodologia ha la capacità di risolvere questi tre problemi.

Il tradizionale CAR-T è un trattamento progettato per uno specifico paziente per il trattamento di un tipo specifico di cellula tumorale, quindi una terapia “cucita su misura”.

Il nuovo sistema, chiamato CAR-T Universale e Programmabile (SUPRA), può essere continuamente modificato per colpire diversi tipi di cellule tumorali , attivate o meno, e offre complessivamente un trattamento significativamente più raffinato rispetto alle terapie attuali.

Invece di pensare al CAR-T come a cellule ingegneristiche che uccidono il cancro, il nuovo criterio risiede nel concepire la terapia come un anticorpo che trascina con sé un T-cell killer.

La cosa sorprendente è che una volta che la cellula CAR-T si lega e si attiva, recluterà più cellule T e farà copie di se stessa, cosa che i farmaci non fanno.

Questa travolgente risposta immunitaria è anche ciò che causa gravi effetti collaterali.

Ci sono stati progressi nella terapia farmacologica per mitigare questi effetti collaterali bloccando porzioni non necessarie della risposta immunitaria mentre ancora permetteva al CAR-T di attaccare le cellule tumorali.

Elevato numero di cellule tumorali insidiate significa una risposta immunitaria molto forte. Il sistema SUPRA CAR-T consentirebbe di disattivare l’intero trattamento nel caso in cui gli effetti collaterali diventassero troppo gravi.

Il normale sistema immunitario richiede che i linfociti T percepiscano due bersagli provenienti da una cellula anomala prima di attaccarla, SUPRA CAR-T funziona allo stesso modo. Prima che SUPRA CAR-T attacchi le cellule tumorali, deve rilevare che entrambi i bersagli siano presenti sulla cellula. SUPRA CAR-T scinde anche la cellula T dall’obbiettivo di rilevamento del bersaglio del sistema. L’obbiettivo sulle cellule tumorali è chiamato antigene e l’antigene scelto viene ricercato da un anticorpo sulle cellule T della CAR. Il nuovo sistema separa la cellula T dall’anticorpo e consente di cambiare bersaglio.

La possibilità di cambiare target è ciò che può prevenire le ricadute nei pazienti. Le cellule tumorali sono intelligenti e mutano per non mostrare più il bersaglio di membrana quando avvertono che le cellule T attaccano dopo aver aderito ad esso. Il sistema SUPRA CAR-T consente alle cellule T di attaccare un nuovo bersaglio semplicemente iniettando al paziente una nuova serie di anticorpi anziché dover riprogettare le cellule T.

La terza caratteristica di questo sistema split è la capacità di mettere a punto con precisione la risposta attiva della cellula T, che aiuta a mitigare i pericolosi effetti collaterali dei precedenti sistemi CAR-T. Introducendo un terzo componente in grado di bloccare l’incollaggio della cellula T all’anticorpo, il sistema supra CAR-T può essere disattivato. Il livello di disattivazione può essere regolato scegliendo la forza con la quale questo terzo componente si lega all’anticorpo.

 

In copertina: immagine di una cellula CAR-T (rossastra) che attacca una cellula leucemica (verde). Questi linfociti CAR-T sono utilizzati per l’immunoterapia contro il cancro (CAR sta per Recettore Antigene Chimerico). Dopo la proliferazione delle cellule T che esprimono la CAR, vengono trasfuse nel paziente e possono rilevare direttamente le cellule tumorali che trasportano l’antigene. (N.d.R.) Eye of Science/Science Source

 

Per seguire il Dottor Sergio Resta SITO WEB

Per scrivergli una mail hotsurgery@libero.it

Per telefonargli 348 6424978

 

Photo Credits cancercenter.com, TGCom24 – Mediaset, cancer.ca, npr.org, Best Car 2018, Amgen Oncology

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Potrebbero interessarti anche