EMF – La chiara aggressione alla salute dei popoli planetari

Scritto da
mano-che-sostiene-una-città-sovrastata-dalla-rete-5g

Merita approfondimento e pubblico sdegno, affinchè i lobbysti della gestione telefonica e wireless non si sentano mai al sicuro

L’esposizione al campo elettromagnetico (EMF) e alle radiazioni a radiofrequenza (RF) è un rischio per la salute in continua crescita nel mondo moderno. Il sito web di “Cellular Phone Task Force” contiene un lungo elenco di governi e organizzazioni che hanno emesso avvisi o tecnologie wireless vietate di vario tipo e in varie circostanze, a partire dal 1993.

Un lungo elenco di organizzazioni che rappresentano medici e scienziati sono nella lista, nella quale compare, tra l’altro, un appello per la protezione dall’esposizione EMF non ionizzante da parte di più di 230 scienziati esperti di EMF che fa rilevare:

“Numerose pubblicazioni scientifiche recenti hanno dimostrato che l’EMF colpisce gli organismi viventi a livelli ben al di sotto della maggior parte delle linee guida internazionali e nazionali. 

Gli effetti includono aumento del rischio di cancro, stress cellulare, aumento dei radicali liberi dannosi, danni genetici, cambiamenti strutturali e funzionali del sistema riproduttivo, deficit di apprendimento e memoria, disturbi neurologici e impatti negativi sul benessere generale negli esseri umani. I danni vanno ben oltre la razza umana, poiché vi sono prove crescenti di effetti dannosi per la vita vegetale e animale “.

I rischi sono reali e non aleatori

Una richiesta di moratoria sul 5G è stata emessa a settembre 2017 da più di 180 scienziati e medici provenienti da 35 paesi, “fino a quando i potenziali rischi per la salute umana e l’ambiente non saranno completamente investigati da scienziati indipendenti dall’industria”, sottolineando chel’RF-EMF ha dimostrato di essere dannoso per l’uomo e l’ambiente” e che “il 5G aumenterà sostanzialmente l’esposizione ai campi elettromagnetici a radiofrequenza (RF-EMF) sopra i 2G, 3G, 4G, Wi-Fi, ecc. Per le telecomunicazioni già in atto”.

Il test 5G è stato recentemente interrotto a Bruxelles e la Svizzera sta ritardando il lancio del 5G al fine di creare un sistema per monitorarne le radiazioni.

Alla luce degli oltre 2000 studi che dimostrano una vasta gamma di danni biologici da campi elettromagnetici, secondo la Food and Drug Administration degli Stati Uniti, l’esposizione alle radiazioni senza fili, incluso il 5G, è sicura!

Le linee guida sono obsolete e non servono a proteggere uomo e ambiente

I lobbisti delle telecomunicazioni ci assicurano che le linee guida già in vigore sono adeguate per proteggere il pubblico.

Queste linee guida di sicurezza, tuttavia, si basano su uno studio del 1996 (!!) su quanto un cellulare abbia riscaldato la testa di un manichino di plastica in formato adulto.

Gli organismi viventi sono costituiti da cellule e tessuti altamente complessi e interdipendenti, non di plastica.

Coloro che sono esposti alle radiazioni a radiofrequenza sono feti, bambini, piante e animali selvatici – non solo uomini maschi adulti.

Le frequenze utilizzate nello studio del manichino erano di gran lunga inferiori alle esposizioni associate al 5G.

L’esposizione a campi magnetici rischia di andare fuori controllo

L’esposizione a campi elettromagnetici a molte frequenze di impatto biologico, come quelle che gestiscono telefoni cellulari e Wi-Fi, è aumentata di circa 1 quintilione di volte negli ultimi 100 anni.

Sfortunatamente l’esposizione a campi elettromagnetici è così diffusa in questi giorni, che è praticamente impossibile condurre studi di popolazione controllati, poiché nessun pool umano è veramente non esposto o inalterato. Questa mancanza di  gruppo di controllo rende molto difficile determinare quali siano gli effetti del mondo reale.

Il 5G non è assolutamente innocuo

Detto questo, uno studio controllato sull’esposizione è stato fatto, rivelando che il 5G non è neanche lontanamente innocuo come le persone pensano. All’inizio del xx secolo, c’erano due popolazioni negli Stati Uniti e, in genere, nelle aree industrializzate: rurali e urbane.

Le aree urbane erano generalmente elettrificate, mentre le aree rurali non erano elettrificate fino al 1950 circa.

Sono state analizzate le statistiche sulla mortalità tra queste due popolazioni nel tempo, dimostrando chiaramente che esisteva  una grande differenza nella mortalità per malattie cardiache, cancro e diabete tra questi due gruppi. Poi, mentre le zone rurali si elettrificavano, le due curve tendevano a sovrapporsi.

Purtroppo siamo tutti circondati

Oggi non solo viviamo e lavoriamo in ambienti elettrificati, ma siamo anche circondati da microonde emesse da tecnologie wireless. Presto il 5G potrà essere aggiunto al mix, rendendo le esposizioni ancora più complesse e potenzialmente dannose.

Le radiazioni a radiofrequenza (RF) 5G utilizzano un “cocktail” di tre tipi di radiazioni, che vanno da onde radio a energia relativamente bassa, radiazioni a microonde con molta più energia e onde millimetriche con energia esplosiva.

Le frequenze estremamente alte in 5G sono il pericolo maggiore

Mentre le frequenze 4G arrivano fino a 6 GHz, 5G espone la vita biologica a segnali pulsati nell’intervallo da 30 GHz a 100 GHz. Il pubblico non è mai stato esposto a frequenze così alte per lunghi periodi di tempo.

La preoccupazione aggiunta 5G è determinata dall’onda millimetrica. Questa larghezza di banda, che va da 30 GHz a 300 GHz, è nota per penetrare fino a 2 millimetri nel tessuto cutaneo umano, causando una sensazione di bruciore.

La ricerca ha dimostrato che i dotti sudoripari presenti  nella pelle umana agiscono come recettori o antenne per la radiazione 5G, attirando la radiazione nel corpo, provocando così un aumento della temperatura.

Questo in parte aiuta a spiegare l’effetto doloroso che percepiamo

Quattro tipi di neuroni sensoriali e le loro cellule recettrici. I nocicettori sono mostrati come terminazioni nervose libere di tipo A

Le simulazioni al computer hanno dimostrato che le ghiandole sudoripare concentrano le onde sub-terahertz nella pelle umana. Gli umani potrebbero percepire queste onde come calore. L’uso della tecnologia di comunicazione sub-terahertz (onde millimetriche, telefoni cellulari, Wi-Fi, antenne) potrebbe causare agli esseri umani dolore fisico attraverso i nocicettori cutanei.

I danni delle micro onde

Le onde millimetriche (MMw) sono state collegate a:

  1. Problemi agli occhi come opacità del cristallino con produzione di cataratta;
  2. Variabilità della frequenza cardiaca, un sensibile indicatore di stress, e cambiamenti della frequenza cardiaca (aritmie);
  3. Dolore;
  4. Funzione immunitaria soppressa;
  5. Crescita depressa e aumento della resistenza agli antibiotici nei batteri.

Il principale pericolo dei campi elettromagnetici in generale è la genesi di uno stress ossidativo eccessivo che provoca disfunzione mitocondriale.

Le radiazioni a microonde a radiofrequenza come quella dei nostri cellulari e dei router wireless attivano i canali di calcio voltaggio-dipendenti (VGCC) situati nella membrana esterna cellulare.

Gli standard di sicurezza attualmente non sono adeguati

I VGCC sono 7,2 milioni di volte più sensibili alle radiazioni a microonde rispetto alle particelle cariche all’interno e all’esterno delle nostre cellule, il che significa che gli standard di sicurezza per questa esposizione sono fuori fuori scala di oltre 7,2 milioni il riferimento fisiologico.

La radiazione a microonde a bassa frequenza apre i VGCC, consentendo in tal modo un afflusso anormale di ioni di calcio nella cellula, che a sua volta attiva ossido nitrico (NO) e superossido che reagiscono quasi istantaneamente per formare perossinitrito che genera radicali liberi di carbonato, che sono una delle specie azotate reattive più dannose conosciute e ritenute essere la causa principale di molte delle odierne malattie croniche.

Uno dei rischi più significativi del perossinitrito è che danneggia il DNA.

Lo studio “European Reflex” pubblicato nel 2004, ha rivelato che gli effetti delle radiazioni 2G e 3G sono in realtà molto simili agli effetti dei raggi X in termini di danno genetico causato.

La capacità autoriparativa dei PARP arriva fino a un certo punto

Il corpo ha la capacità di riparare quel danno indotto artificialmente attraverso una famiglia di 17 diversi enzimi chiamati collettivamente poli-ribosio polimerasi ADP (PARP). Tuttavia, perchè i PARP funzionino bene, è richiesto  NAD+ quale supporto energetico. Quando il NAD+ si esaurisce i PARP smettono di riparare il DNA.

Questo evento può portare alla morte prematura delle cellule, poiché sono necessarie da 100 a 150 molecole di NAD+ per riparare una singola rottura del filamento di DNA.

Il NAD+ è fondamentale per il mantenimento della salute cellulare e mitocondriale, quindi il fatto che PARP consumi NAD+ per contrastare i danni EMF è una preoccupazione molto importante!

La tensione elettrostatica corporea  sembra giocare un ruolo significativo nella salute e nella malattia. La produzione di elettricità endogena consente alle cellule di comunicare ed eseguire le funzioni biologiche di base necessarie per la sopravvivenza.

Il corpo umano è progettato per funzionare a livelli e frequenze molto specifici

Sembra logico che essere circondati da campi elettromagnetici creati dall’uomo che sono 1 milione di volte più alti rispetto all’ambiente naturale EMF della Terra possa interferire con la capacità del DNA di ricevere e trasmettere segnali biologici.

Mentre la controversia sui danni dei campi elettromagnetici si è incentrata sul fatto che possa causare o meno il cancro, in particolare i tumori cerebrali, questa in realtà non è la più grande preoccupazione. Poiché il danno è fortemente legato all’attivazione dei VGCC, è ovvio che le aree in cui i VGCC sono più densi sarebbero più vulnerabili ai danni.

La più alta densità di VGCC si trova nel sistema nervoso, nel cervello, nel pacemaker, nel cuore e nei testicoli.  Di conseguenza, i campi elettromagnetici sono capaci di contribuire alla genesi di danni neurologici e neuropsichiatrici, patologie cardiache e problemi riproduttivi.

Aritmie cardiache, ansia, depressione, autismo, morbo di Alzheimer e infertilità sono le potenziali patologie correlabili al danno VGCC. Molto più frequenti delle neoplasie cerebrali.

 

Vuoi acquistare i libri del nostro autore?

Collegati alla nostra sezione LIBRI in HOME e fai l’ordine!

 

OPPURE COMPRA DIRETTAMENTE I SUOI LIBRI DA QUI

 

 

Photo credits digitalics, optimagazine, Nexus edizioni, enterprisetv, Dr. Jockers

Autore

Sergio Resta

Sergio Resta

Si laurea a 23 anni in Medicina e Chirurgia (cum laude) e all'età di 28 anni è specialista in Chirurgia Generale (cum laude) presso l'Università degli ..