Cercasi testosterone disperatamente

Scritto da

Care donne, cari uomini il problema del nostro secolo sono gli ormoni

 

A indurre precoci malattie del sistema cardiovascolare, di quello metabolico, di quello sessuale e della fertilità, e dell’invecchiamento precoce, è il sovvertimento del normale assetto ormonale dell’organismo.

√ Aumento del cortisolo da situazione di stress attivato, o, cosa molto più frequente di quello che si pensa, calo di questo (nell’adrenal fatigue) da esaurimento delle risorse di reazione.

√ Calo precoce degli ormoni della giovinezza per eccellenza, DHEA e melatonina, da stress prolungati.

√ Aumento precoce e progressivo degli ormoni dell’infiammazione, origine di tutti i mali insulina e istamina.

√ Ma forse l’evidenza più triste, perchè molto più frequente di quello che si pensi, il calo degli ormoni sessuali, in particolare del testosterone.

Questo ormone è fondamentale non solo nella riproduzione, ma anche nel controllo del metabolismo lipidico, nel metabolismo basale e nel mantenimento della massa magra, del temperamento e dell’umore, e nel trofismo degli organi genitali. Tutti questi fattori, contrariamente a quanto si pensa, sono fondamentali sia nell’uomo che nella donna!

Ecco a cosa porta la carenza di Testosterone in entrambi i sessi

√ Tendenza ad accumulare massa grassa e a perdere massa magra

√ Osteoporosi

√ Riduzione della libido, della potenza sessuale

√ Astenia

√ Tendenza all’ansia, alla fragilità emotiva con senso di incertezza, inadeguatezza e mancanza di determinazione e pensiero lineare

√ Depressione dell’umore e poca capacità di determinazione

√ Distrofia degli organi genitali (nella donna atrofia vulvare)

Tendenza alla malattia neoplastica prostatica

Pensate a quanto siano importanti i fattori sopra esposti nella vita quotidiana

√ Nella capacità organizzativa

√ Nella gestione dei rapporti sociali

√ Nella soddisfazione della vita di coppia sia di intesa sessuale che di complicità

√ Nell’efficacia di un metabolismo di base nel mantenere il peso forma

√ Nel controllo del colesterolo e degli zuccheri del sangue.

Uomo e donna, diverso livello di testosterone

Se è fisiologico nell’uomo un progressivo calo del testosterone a partire dai 35-40 anni di età, con un picco nella cosiddetta andropausa verso i 50 anni, l’accelerazione di questo evento è promossa in modo ineluttabile ma reversibile, dai seguenti fattori che fanno parte, in ultima analisi dello stile di vita quotidiano: alimentazione, tipo di attività fisica, tipologia di peso corporeo e/o sovrappeso o obesità, abitudini voluttuarie (alcool in particolare, fumo).

Nella donna la percentuale di testosterone presente fisiologicamente nell’organismo e il suo calo dipendono da molti fattori come l’assetto ormonale di base (cosiddetta estrogenodominanza), e le caratteristiche di grasso corporeo.

La tristissima carenza di questo ormone (di cui certo non difettavano i prodi e impavidi cavalieri di un tempo che si battevano per i propri valori, o per la propria donna) è molto frequente.

Insospettabilmente ai più o in modo evidente alcune volte infatti, determinate caratteristiche del comportamento, della forma fisica di un uomo, così come delle capacità sessuali, possono corrispondere a una carenza precoce del testosterone libero (forma attiva), così frequente ai nostri giorni, confermata dal dosaggio dell’ormone libero nel sangue.

Come riconoscerne i segni di carenza

√ Scarsa fertilità in età giovane, o precoce insorgenza di tumori (maligni o ipertrofia benigna) alla prostata, o un continuum di calo della libido o della potenza sessuale.

√ Scarsa determinazione caratteriale, incapacità a prendere decisioni, atteggiamento depressivo e dubbioso.

√ Fattezze fisiche con incremento del grasso addominale in particolare sui fianchi, e ingrossamento del seno (ginecomastia): fenomeno frequentissimo anche in età giovane, segno molto forte di calo del testosterone e aumento degli ormoni estrogeni (cosiddetta femminilizzazione ormonale).

Ecco le fonti di decremento precoce del testosterone

NO AI GRASSI IDROGENATI

√ Dieta ricca in grassi sbagliati (saturi, idrogenati: formaggi, latte di origine animale, insaccati in particolare).

√ Dieta ricca in sostanze nascoste e nocive per il sistema ormonale (i cosiddetti interferenti endocrini: prodotti industriali e confezionati, edulcoranti, conservanti).

√ Dieta ricca in sostante che favoriscono la conversione del testosterone nel suo metabolita inattivo o a forte potere cancerogeno (alcool in particolare).

√ Dieta ricca in alimenti che favoriscono l’ormone insulina, forte antagonista del testosterone (dieta ricca in zuccheri semplici e in abbinamenti alimentari che favoriscono non solo il rialzo glicemico ma anche quello insulinemico).

√ Il grasso corporeo: in particolare quello viscerale addominale e dei fianchi, è ricco di enzimi appartenenti alla famiglia delle aromatasi, che favorisce la conversione del testosterone nel suo metabolita inattivo o a forte potere cancerogeno, creando un meccanismo vizioso.

√ Alterazione della “biosi” intestinale: tutti i fattori sopra riportati infatti, assieme allo stress quotidiano (inteso già come sovvertimento di un equilibrio), e a alcune terapie più o meno croniche, condizionano la salute del nostro MICROBIOTA intestinale, e con esso la conversione e disponibilità degli ormoni circolanti nell’organismo (vedi post precedenti).

Vediamo quali possano essere le fonti per un equilibrio di questo ormone

1 – La dieta cosiddetta ormonale: il giusto quantitativo di proteine di origine animale (carne in particolare, ma anche uova e pesce), e il giusto bilanciamento degli alimenti (a sfavorire il rialzo insulinemico).

2 – Una adeguata attività fisica che favorisca gli ormoni testosterone e ormone della crescita, e sfavorisca il cortisolo (antagonista del testosterone): esercizi da sforzo isometrico e attività fisica di tipo sostanzialmente anaerobico, svolta prevalentemente nelle prime ore del mattino o entro il pomeriggio.

3 – Una integrazione fito o gemmo terapica. Le maggiori fonti dirette di testosterone sono rappresentate da:

Radice e polvere di maca

MACA

TRIBOLO COMUNE

MUIRA-PUAMA

 

Altre fonte indirette di testosterone per stimolo surrenalico sono:

GINSENG

SEQUOIA GIGANTE

QUERCIA

Nella donna, le carezze (il tocco) e i baci provenienti dal partner maschile possono aiutare lo scambio del testosterone.

 

Photo credits Medical News Today, Livemint, Wellvit, Weight Loss and Wellness in Cleveland TN

www.drmonicabossi.net

Si rende noto che le immagini presenti negli articoli riportano la fonte e/o l’autore, quando noti, e sono utilizzate esclusivamente a scopo illustrativo e divulgativo. Qualora dovessero violare eventuali diritti di Copyright, si prega di comunicarlo al seguente indirizzo email per la rimozione delle stesse: info@agemony.com

Autore

Monica Bossi

Monica Bossi

Medico Chirurgo, specialista in Medicina Interna; con laurea in Medicina Olistica e Omeopatia all’università di Urbino, Master in Nutrizione Biologica ..