Mirtilli, preziosa risorsa nella lotta al cancro

Scritto da

Una piccola grande risorsa

La concentrazione in capsule dei principi attivi del mirtillo è una risorsa della terapia complementare con valenza chemioterapica.

È bello sapere che molti cibi che salvaguardano la nostra salute sono anche deliziosi.

I mirtilli sono un ottimo esempio.

Questi frutti croccanti e leggermente dolci stanno guadagnando sempre più attenzione dalla comunità di ricerca medica.

Ho già abbondantemente scritto sull’importanza primaria degli antiossidanti: come rimuovono i radicali liberi, calmano lo stress ossidativo, aumentano la funzione immunitaria e rallentano il processo di invecchiamento. I mirtilli sono ricchi di antiossidanti polifenolici, micronutrienti ritenuti una potente linea di difesa contro malattie degenerative come il cancro e le malattie cardiovascolari.

Ricchissimi di micronutrienti

Il colore blu è dato dagli antociani

Gli antiossidanti sono solo l’inizio: i mirtilli contengono anche composti benefici chiamati antociani (che conferiscono loro il loro colore blu), così come alti livelli di vitamina C, vitamina K, fibre e manganese.

Diamo un’occhiata a come alcuni di questi composti curativi contribuiscono ai benefici per la nostra salute.

 

1. Miglioramento della salute cardiovascolare

Numerosi studi dimostrano che il consumo regolare di mirtilli può aiutare a ridurre quasi tutti i fattori di rischio per le malattie cardiovascolari. Ad esempio, un’elevata assunzione di antocianine è associata a un ridotto rischio di infarto.

I polifenoli di mirtillo esercitano un effetto particolarmente benefico sui vari marcatori della funzione endoteliale: in uno studio recente i pazienti che hanno ricevuto una miscela bilanciata di micronutrienti e macronutrienti su base giornaliera non hanno ottenuto punteggi elevati quando i polifenoli di mirtillo erano assenti. QUI LA RICERCA 

2. Controllo della pressione sanguigna

Poiché l’ipertensione tende ad essere associata a un aumentato rischio di malattie cardiovascolari, i benefici del mirtillo nei cuori si manifestano rapidamente nel trattamento della sindrome ipertensiva.

Gli studi hanno dimostrato che il consumo giornaliero di mirtilli migliora la funzione vascolare complessiva, riduce la pressione sanguigna sistolica e diastolica e diminuisce la rigidità arteriosa.

 

3. Miglioramento della sensibilità all’insulina

La sindrome metabolica e il diabete di tipo 2 sono altre comuni comorbidità associate alle malattie cardiache e all’ipertensione arteriosa, è ovvio quindi che i mirtilli sono potenzialmente utili anche per questi disturbi.

Uno studio in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo ha dimostrato che i composti nei mirtilli migliorano la sensibilità all’insulina. QUI LA RICERCA

I frutti non sono generalmente considerati compatibili con il diabete, ma questo studio ci ricorda che molti di loro (specialmente i frutti a basso contenuto di zucchero come i mirtilli) sono notevolmente curativi e non dovrebbero essere raggruppati nella stessa categoria degli alimenti a elevato tenore zuccherino.

 

4. Protezione polmonare

Le proprietà curative e protettive degli antociani del mirtillo si estendono anche all’apparato respiratorio.

Uno studio longitudinale ha seguito 839 partecipanti per 16 anni e ha evidenziato che coloro che mangiavano due o più porzioni di mirtilli a settimana mostravano un calo quasi del 40% nel decadimento della funzionalità polmonare rispetto a un gruppo di controllo. QUI LA RICERCA

 

5. Prevenzione del cancro

I mirtilli occupano anche un posto di rilievo nella lista degli alimenti che combattono il cancro, non solo per le loro proprietà antiossidanti, ma anche per la loro capacità di aumentare la naturale capacità di difesa organica.

Uno studio ha rilevato che solo sei settimane di consumo quotidiano di mirtilli aumentano i livelli di cellule natural killer (NK), che sono fondamentali per l’eliminazione di cellule e patogeni anormali prima che progrediscano verso la costituzione di un carcinoma. QUI LA RICERCA

 

6. Rallentamento del decadimento cerebrale

Mangiare mirtilli quotidianamente migliora la funzione cognitiva e protegge dal declino cognitivo.

Un trial ha dimostrato che un consumo maggiore di mirtilli ha rallentato l’invecchiamento cerebrale negli adulti di età superiore ai 70 anni di 2,5 anni e ha migliorato la memoria a lungo termine nei bambini di età compresa tra i 10 ei 14 anni. QUI LA RICERCA

Per seguire il Dottor Sergio Resta SITO WEB

Per scrivergli una mail hotsurgery@libero.it

Per telefonargli 348 6424978

 

 

Categorie Articoli:
Oncologia Integrata

Commenti disabilitati.