Nel Piatto Salute E Prevenzione Anti Cancro

Scritto da

Un consumo costante di vegetali specifici assicura un sufficiente livello preventivo nei confronti di molte patologie.

L’estrazione, purificazione e concentrazione dei principi attivi fitochimici garantisce invece un’ottima protezione antitumorale preventiva e curativa.

Tutti i principi attivi sono disponibili presso il mio laboratorio di ricerca.

 

CURCUMINA

La curcumina (diferuloilmetano), un pigmento giallo appartenente alla classe dei polifenoli presenti nei rizomi della curcuma, viene da millenni utilizzata in cucina in india.

È anche impiegata come cosmetico e in alcune preparazioni medicali.

Molteplici attività terapeutiche della curcumina sono state considerate associate alle sue sorprendenti proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. L’effetto antinfiammatorio della curcumina è molto probabilmente mediato dalla sua capacità di inibire la cicloossigenasi-2, la lipossigenasi (LOX) e l’ossido nitrico sintasi inducibile.

La curcumina ha la capacità di inibire la bioattivazione del cancerogeno tramite soppressione di specifici isoenzimi del citocromo P450, così come per indurre l’attività o l’espressione degli enzimi detossificanti cancerogeni di fase II.

La combinazione di feniletilisotiocianato e curcumina ha causato la soppressione della fosforilazione del recettore del fattore di crescita epidermico (EGF), l’inibizione della fosforilazione indotta da EGF e l’induzione del fosfatidilinositolo 3-chinasi nelle cellule del cancro della prostata.

Essa regola la crescita delle cellule tumorali attraverso la segnalazione cellulare su percorsi multipli: tra cui la via di proliferazione cellulare, la via di sopravvivenza cellulare, la via di attivazione della caspasi, la via di oncosoppressione, la via del recettore della morte, le vie mitocondriali e la via metabolica della protein-chinasi.

 

RESVERATROLO

Il resveratrolo (trans-3, 5, 4-triidrossistilbene), una fitoalessina presente in natura, si trova ad alta concentrazione nella buccia delle uve rosse e nel vino rosso. Il resveratrolo è noto per avere effetti antiossidanti, antinfiammatori e antiproliferativi su una varietà di cellule tumorali in vitro e in vari modelli animali.

Il resveratrolo è stato identificato come candidato efficace per la prevenzione del cancro sulla base degli effetti inibitori delle modifiche cellulari cancerose.

È stata dimostrata la sua capacità di inibire l’espressione di necrosi del fattore α-mediata della metalloproteinasi-9 della matrice nelle cellule di epatocarcinoma HEPG2, abbassando la regolazione della via di segnalazione nucleare del fattore-KB.

Vari studi hanno rivelato molteplici bersagli intracellulari sostenuti dal resveratrolo, che influenzano la crescita cellulare, l’infiammazione, l’apoptosi, l’angiogenesi, la metastatizzazione.

 

APIGENINA

L’apigenina, un flavone vegetale abbondantemente presente in frutta e verdura comuni possiede proprietà antiossidanti, anti-mutagene, anti-cancerogene, anti-infiammatorie, anti-crescita e anti-progressione.

L’apigenina è efficace nell’inibire la carcinogenesi dopo applicazione topica su tumori cutanei indotti da dimetil benzantracene e diminuire l’incidenza del cancro indotta dai raggi ultravioletti con netto aumento dei tempi di sopravvivenza libera da tumore.

Studi precedenti hanno dimostrato che l’apigenina promuove la chelazione del metallo, elimina i radicali liberi e stimola gli enzimi di disintossicazione di fase II nelle colture cellulari e nei modelli tumorali in vivo.

 

QUERCETINA

La quercetina è un flavonoide alimentare abbondante in una ragguardevole varietà di alimenti tra cui mele, bacche, verdure della famiglia delle brassicacee, uva, cipolle, scalogni, tè e pomodori, oltre a molti semi, noci, cortecce e foglie.

Di solito si presenta in forma di O-glicoside tra i polifenoli, la quercetina è uno dei più potenti antiossidanti naturali disponibili, come dimostrato in diversi studi.

È stato dimostrato che inibisce le specie ossidative generando enzimi come xantina ossidasi, lox, e nicotinamide adenina dinucleotide fosfato ossidasi.

È un potente agente antitumorale in grado di presiedere a diverse attività come la regolazione del ciclo cellulare, l’interazione con i siti di legame degli estrogeni di tipo II e l’inibizione della tirosin-chinasi.

 

ISOCIOTANATI

Gli isotiocianati (ITC) sono composti elettrofili che svolgono un ruolo importante nei potenziali effetti chemiopreventivi associati all’elevata assunzione di verdure crocifere quali crescione, cavoletti di bruxelles, broccoli, cavoli, rafano e rapa.

Le verdure crocifere sono state ampiamente accettate come chemiopreventivi e contenenti fitochimici terapeutici.

Gli studi epidemiologici dimostrano che l’assunzione dietetica di ITC è associata a un rischio ridotto di alcuni tumori umani. Gli ITCS mostrano attività anti-cancerogena riducendo l’attivazione di agenti cancerogeni e aumentando il loro allontanemanto.

 

GENISTEINA

La genisteina è un composto di isoflavoni che si trova nella soia e in prodotti correlati come tofu, latte di soia e salsa di soia.

È un promettente agente chemioterapico del cancro.

Inibisce la crescita del cancro aumentando l’apoptosi agendo altresì sulla modulazione dei percorsi di segnalazione intercellulare.

 

 

ACIDO URSOLICO

L’acido ursolico è un composto triterpenico pentaciclico ampiamente presente in alimenti, erbe medicinali, scorza di mela, in grado di esercitare un’ampia gamma di funzioni farmacologiche, incluse attività antiossidanti, antitumorali e antinfiammatorie.

 

Per seguire il Dottor Sergio Resta SITO WEB

Per scrivergli una mail hotsurgery@libero.it

Per telefonargli 348 6424978

 

Photo Credits Fine Dining Lovers, nature-energie-vitalite.com, wallpaperscraft, steemkr.com, foodandtec.com, scrivolibero.it

Categorie Articoli:
Oncologia Integrata

Commenti disabilitati.