Non Devi Avere Paura Del Freddo

Scritto da
Maurizio Salamone

L’uomo ha sempre avuto paura del freddo e il senso comune lo collega a emozioni arcaiche di pericolo e effetti deleteri sullo stato di salute.
Ma come spesso accade con le forze della natura non è tutto bianco o nero.
Nel corso dell’evoluzione l’uomo ha dovuto confrontarsi con il freddo per estendere la sua presenza anche a latitudini non temperate e con un sistema di termoregolazione interna che lo obbligava a mantenere la temperatura corporea costante a 37° centigradi.

La storia dimostra che abbiamo vinto questa battaglia giocando anche fuori dalle regole. Abbiamo imparato a modificare l’ambiente esterno per adattarlo alle nostre esigenze. Abbiamo inventato gli indumenti e i sistemi di condizionamento della temperatura e umidità. Abbiamo finito per vivere in ambienti artificiali con una temperatura di 21°-23° C indipendentemente dalle variazioni giornaliere e stagionali. Questo ha finito per indebolirci come individui perchè ha compromesso i sistemi di adattamento omeostatico presenti nel nostro corredo genetico. Il corpo tende a “dimenticare” una cosa che non viene più utilizzata e quindi ritenuta non necessaria.

Il freddo è uno dei segnali ambientali che il nostro cervello ascolta costantemente per regolare funzioni importanti del metabolismo al fine di adattarsi meglio attraverso meccanismi come:

  • Attivazione ipotalamica della cascata tiroidea
  • Mitocondriobiogenesi
  • Transdifferenziazione del grasso bianco in beige (bruno)
  • Modulazione della lipolisi/lipogenesi
  • Modulazione della risposta immunitaria
  • Modulazione della risposta infiammatoria

L’assenza di questo segnale con la vita a 21° disregola queste vie metaboliche portanto a:

  1. + grasso bianco  – grasso bruno
  2. + lipogenesi  – lipolisi
  3. Ipotiroidismo
  4. Riduzione delle citochine antinfiammatorie
  5. Riduzione dello stimolo all’immunita innata

E’ possibile contrastare questa tendenza “innaturale” tipica della vita moderna con una esposizione controllata al freddo in condizioni di sicurezza.

Il segnale che funge da interruttore è perfettamente compatibile con le normali attività quotidiane.

Per ripristinare l’adattamento metabolico è infatti sufficiente 1 minuto di doccia fredda al giorno.

ATTENZIONE: L’esposizione al freddo in condizioni di sicurezza è controindicata nei soggetti cardiopatici, immunocompromessi, gravide, pazienti psichiatrici, epilettici.
L’esposizione al freddo deve essere fatta a stomaco vuoto e solo in condizioni di buona salute. Se hai dubbi parlane con il tuo medico di medicina generale.

Esistono dei semplici esercizi di respirazione che possono ridurre la sensazione di freddo allo stesso modo di un periodo di attività fisica intensa (bastano 10 min).

 

 

Puoi seguire il Dottor Maurizio Salamone qui METAGENICS

 

[Photo Credits in copertina Iceman della Marvel tratto da desktopwallpapers4.me, gde-fon.com]


Categorie Articoli:
Micronutrizione Funzionale

Commenti disabilitati.