Ossido Nitrico: La Molecola Dei Miracoli

Scritto da
Giovanni Montagna

L’ossido nitrico è una molecola così importante che nel 1998 il premio Nobel per la medicina è stato assegnato a 3 americani per i loro studi correlati.  Più di 10.000 articoli in importanti riviste scientifiche sono stati pubblicati negli ultimi 10 anni intorno agli effetti a largo spettro sulla salute e sulle altre funzioni dell’ossido nitrico nel corpo. L’ossido nitrico è richiesto e necessario per l’erezione e per la risposta vaginale femminile, regola il flusso del sangue, migliora il flusso dell’aria nei polmoni e, prodotto dai globuli bianchi, neutralizza batteri e virus oltre ad eliminare cellule cancerose.  Ultimamente sono stati fatti studi confortanti (su cavie) sull’utilizzo dell’ossido nitrico per l’aumento della forza e della massa muscolare. Inoltre:

  • diminuisce la pressione del sangue
  • riduce il colesterolo totale e quello LDL
  • disaggrega le piastrine riducendo il rischio di attacchi cardiaci o cerebrali
  • aumenta significativamente le difese immunitarie
  • provoca il rilascio dell’ormone della crescita che stimola a sua volta la crescita muscolare e l’eliminazione dei grassi
  • migliora la memoria a lungo termine
  • ha una potente azione antiossidante
  • Può addirittura invertire il danno alle arterie che portano sangue al cuore, al cervello e agli organi genitali.

L’ossido nitrico è un radicale libero stabile presente in forma di gas prodotto nella maggior parte delle cellule del corpo. Ha la capacità di attraversare liberamente le membrane cellulari e quindi agire facilmente al loro interno. Anche i muscoli producono costantemente l’NO e alcuni studi indicano avere un ruolo fondamentale nella crescita muscolare. L’NO è responsabile del mantenimento a livelli ottimali della sintesi proteica nei muscoli. La sua inibizione (in soggetti in allenamento) diminuisce di circa il 50% il tasso di crescita muscolare. Ecco un primo punto per cui l’atleta che richiede un pronto ricambio proteico o una sintesi proteica migliore per aumentare la propria massa muscolare, dovrebbe prendere in forte considerazione l’integrazione con l’ossido nitrico.

L’allenamento costante permette ai muscoli di diventare più efficienti nella produzione di NO grazie all’aumento di un enzima: la ossido nitrico sintasi (NOS) che forma NO dall’arginina. Quest’ultimo aminoacido è molto importante per la formazione di NO. Vedremo di seguito la forma migliore di arginina da utilizzare e con che sostanze associarla.

  • Senza l’NO, l’IGF-1 perde parte della sua funzione anabolica
  • L’NO è un attivatore delle cellule satellite (e della loro ipertrofia) che hanno un ruolo importante nella crescita muscolare
  • L’NO consente un rilascio adeguato del fattore di crescita epatico (HGF; rilasciato localmente nei muscoli) che è fondamentale per la fusione tra cellule satellite e quelle già sviluppate
  • È in grado di aumentare la forza muscolare (utile prima dell’allenamento)
  • Ottimizza la riparazione tendinea
  • L’NO consente anche (grazie alle proprietà vasodilatative) un maggiore afflusso di sangue al muscolo migliorando il trasporto di ossigeno e altri nutrienti. Questa sostanza è un importante modulatore della risposta vascolare promovendo un aumento nella molecola GMP ciclico, (monofosfato ciclico della guanosina).

Un incremento del flusso sanguigno crea un maggiore effetto di pompaggio nei muscoli con conseguente aumento del volume muscolare che renderà più gonfio il muscolo e roccioso a livello visivo.  L’incremento di trasporto dei nutrienti e del volume, crea delle condizioni favorevoli alla formazione di nuovo tessuto muscolare perché rappresentano dei segnali di stimolo alla sintesi proteica. 
L’Ossido Nitrico influisce anche sulla secrezione di alcune ghiandole endocrine.

Per esempio stimola:

  • La secrezione di Gonadotropin-releasing hormone (GnRH) dall’ipotalamo;
  • La secrezione dell’amilasi pancreatica dalla porzione del pancreas a secrezione esocrina;
  • Il rilascio di adrenalina

Questo vuol dire che accentueremo la produzione di ormoni anabolici, migliore digestione ed assimilazione degli alimenti che quindi riforniranno più velocemente il muscolo in lavoro ed in recupero ed infine si avrà maggiore stimolo in allenamento grazie al rilascio dell’adrenalina.

  • L’ossido nitrico (NO), incrementando il flusso sanguigno e il trasporto di nutrienti, favorisce anche il completo recupero dopo intensi allenamenti
  • Possedendo anche proprietà antiinfiammatorie, diminuisce anche i dolori muscolari post allenamento e favorisce la riparazione cellulare

Ma veniamo al tipo di arginina particolarmente efficace per stimolare il rilascio di ossido nitrico che è l’Arginina alfa chetoglutarato (AKG).  Questa particolare forma di arginina si è vista essere la migliore per stimolare il rilascio di ossido nitrico (NO), il quale incrementa il flusso sanguigno ai muscoli, migliorando il trasporto di ossigeno e altri nutrienti. Un incremento del flusso sanguigno crea un effetto di pompaggio sui muscoli, simile a quello che si ottiene dopo un allenamento. L’effetto pompaggio è sempre unito ad un aumento del volume muscolare. L’incremento di trasporto dei nutrienti crea delle condizioni favorevoli alla formazione di nuovo tessuto muscolare. L’NO, incrementando il flusso sanguigno e il trasporto di nutrienti, favorisce anche il completo recupero dopo intensi allenamenti.

Altra molecola importante da associare all’Arginina per la produzione di NO e per la vasodilatazione, è la vitamina B3 o niacina. La niacina è efficace per la circolazione e la riduzione del tasso di colesterolo nel sangue. E’ vitale per una corretta attività del sistema nervoso, per il mantenimento della salute della pelle e della lingua e per la formazione dei tessuti del sistema digestivo. E’ necessaria per la sintesi degli ormoni sessuali ed entra nella composizione degli enzimi fondamentali, del metabolismo ossidativo. La niacina è indispensabile per la sintesi di due enzimi: il NAD (nicotinamide adenina dinucleotide ) e il NADP (nicotinamide adenina dinucleotide fosfato). Proprio il NAD è un enzima essenziale per la produzione di NO a partire dall’arginina, ecco quindi che bisogna assicurarsi una quantità adeguata di questa vitamina che oltretutto è facilmente distrutta o utilizzata per altri scopi.

Per ottimizzare la produzione endogena di Ossido Nitrico:

  • Diminuzione della produzione di cortisolo che inibisce la formazione di NO (fosfatidilserina: 800mg)
  • Allenamento costante coi pesi (contrarre e allungare i muscoli fa produrre più NO)
  • Assunzione di Arginina AKG (1-2 gr), aminoacido precursore dell’NO
  • Assunzione di 100 mg di niacina, vitamina necessaria alla formazione di NAD
  • Assunzione contemporanea di vitamine C, E, Betacarorene (500mg, 400UI, 5000UI)
  • I ginsenosidi (3-9gr di ginseng al 4% di ginsenosidi) hanno proprietà stimolanti la produzione di NO nelle cellule del sistema immunitario, nelle cellule endoteliali del sistema vascolare, nelle arterie e nei tessuti con capacità erettili

Ultimamente, l’alimentazione troppo ricca in carboidrati raffinati e grassi saturi, sta facendo dilagare una situazione metabolica patologica chiamata Sindrome X, caratterizzata da insulino-resistenza, pressione alta, soprappeso, ecc. Nella sindrome X è stata descritta la perdita della capacità propria dell’insulina di determinare aumento della perfusione muscolare e vasodilatazione endotelio-dipendente. Infatti il rilascio da parte delle cellule endoteliali dell’ossido nitrico (NO), che è il mediatore principale di tali effetti vascolari, sembra essere compromesso negli stati di insulino-resistenza, per un blocco selettivo della via metabolica post-recettoriale della fosfatidilinositolo-3 kinasi. Inoltre, diverse componenti della sindrome X sono caratterizzate da un aumento dello stress ossidativo che di per sé è in grado di ridurre la disponibilità di NO.

L’atleta Camille Leblanc Bazinet

Per rimediare velocemente a questa situazione è bene approntare il prima possibile un’alimentazione ipocalorica equilibrata affiancata da precursori dell’NO ed un pool di antiossidanti.

Siamo giunti alla conclusione di questo articolo improntato maggiormente sull’utilità dell’NO nello sport, anche se le sue funzioni sono svariate e probabilmente molte sono ancora da scoprire.  Spero di avere creato un po’ di curiosità e da chi lo proverà, mi farebbe piacere ricevere le proprie impressioni.

 

Bibliografia

Roberts, C.K., et al. (1999). Acute exercise increases nitric oxide synthase activity in skeletal muscles. Am J Physiol. 277:E390-E394. 

Moers, A., et al. (1997). Palmitic acid but not stearic acid inhibits NO production in endothelial cells. Exp Clin Endocrin Diabetes. 105(Supp):78-80.

Chen, Y., et al. (2003). Suppression of inducible nitric oxide production by indole and isothiocyanate derivatives from brassica plants in stimulated macrophages. Planta Med. 69:696-700.

Das, U. (2003). Folic acid says NO to vascular diseases. Nutrition. 8:686-92.

Fisher, N., et al. (2003). Flavonal-rich cocoa induces nitric acid–dependent vasodilation in healthy humans. J Hypertension. 21:2281-2286.

Eder, K., et al. (2003). Conjugated linoleic acid lowers the release of eicosanoids and nitric oxide from human endothelial cells. J Nutr. 133:4083-4089.

Bergamini, S., et al. (2001). N-acetulcysteine inhibits in vivo nitric oxide production by inducible nitric oxide synthase. Nitric Oxide. 5:349-60.

Wu G, Meininger CJ. Arginine nutrition and cardiovascular function. J Nutr. 2000. 130: 2626–2629.

Palloshi A, Fragasso G, Piatti P, Monti LD, Setola E, Valsecchi G, Galluccio E, Chierchia SL, Margonato A. Effect of oral L-arginine on blood pressure and symptoms and endothelial function in patients with systemic hypertension, positive exercise tests, and normal coronary arteries. Am J Cardiol. 2004. 3 (7): 933-935.

Stanislavov R, Nikolova V. Treatment of erectile dysfunction with pycnogenol and L-arginine. J Sex Marital Ther. 2003. 29 (3): 207-213.

Battaglia C. Adjuvant L-arginine treatment for in-vitro fertilization in poor responder patients. Hum Reprod. 1999. 14 (7): 1690-1697.

Maxwell AJ, Ho H-KV, Le CQ, Lin PS, Bernstein S, Cooke JP. L-arginine enhances aerobic exercise capacity in association with augmented nitric oxide production. J Appl Physiol. 2001. 90: 933–938.

Jablecka A, Checinski P, Krauss H, Micker M, Ast J. The influence of two different doses of L-arginine oral supplementation on nitric oxide (NO) concentration and total antioxidant status (TAS) in atherosclerotic patients. Med Sci Monit. 2004. 10 (1): CR29-CR32.

 

Per seguire il Dr. Giovanni Montagna

Puoi scrivergli a giannidiet@tiscali.it

Puoi contattarlo al 3939967076

 

[Photo Credits in copertina opera dell’artista australiano Cameron Gray,  integratorialimentarinews.com,  bodybuilding.com, sportslook.net]

Categorie Articoli:
Integrazione alimentare

Commenti disabilitati.