16 curiosità sul giorno di San Valentino e sull’amore di coppia

Scritto da

Tutti pazzi per l’amore

È una freccia scagliata da Cupido che ci penetra il cuore con piacere e dolore. Eppure siamo impotenti contro il suo incantesimo inebriante. Ciò è particolarmente vero nel giorno di San Valentino, quando ci si aspetta che apriamo i nostri portafogli e professiamo con passione la devozione per il nostro partner. Nessuna pressione, giusto?

La verità immutabile è che tutti noi vogliamo solo essere amati. Questo ci spinge alla ricerca dell’amore continuamente. Quando siamo pazzi d’amore non è colpa nostra. È scienza, una vera e propria danza di alcuni ormoni.

Perché ricerchiamo con costanza l’amore, nessuno lo sa

Ipotesi avanzano che ci siano paralleli tra l’infatuazione e la psicosi, ma i processi chimici che avvengono nel nostro cervello quando ci innamoriamo sono in realtà ancora sconosciuti.

Sono comunque la dopamina e la serotonina che ci fanno impazzire in amore, e i cambiamenti chimici che avvengono nel nostro cervello possono essere mappati. Le scansioni MRI mostrano che la corteccia frontale si spegne e la parte che svolge un ruolo nel giudizio è sostanzialmente disattivata.

Secondo il Prof. Semir Zeki, docente di Neuroestetica presso l’University College di Londra, le aree del cervello che sono “spente” dall’amore sono il lobo frontale che controlla il giudizio, la corteccia temporale mediale che controlla le emozioni negative, l’amigdala che controlla la paura e il cingolato posteriore che controlla l’empatia.

Al di là della chimica, ecco 16 curiosità sull’amore e San Valentino

Pannello parietale in opus sectile, in marmo colorato e madreperla. Opera romana, prima metà del IV sec. dC Dalla Basilica di Giunio Basso sull’Esquilino

1 – Gli etimologi riferiscono che le lettere “v” e “g” erano una volta intercambiabili nel linguaggio comune. La parola normanna galantin, ovvero “amante delle donne”, un tempo era scritta e pronunciata valanta o valantin, da cui forse deriva l’aver connesso San Valentino all’amore.

2 – L’antica festività romana Lupercalia è considerata un precursore del giorno di San Valentino. Celebrata dal 13 al 15 febbraio, in onore del dio Fauno comprendeva una serie di cerimonie di purificazione e fertilità.

Durante lo svolgimento della festa due ragazzi correvano attraverso una folla facendo oscillare archi costruiti con pelle di capra. Se le corde toccavano una ragazza, quella avrebbe avuto un domani figli sani. Le pelli di capra erano chiamate “februa” (“pulire” in latino) che ha dato origine alla parola “febbraio”.

3Shakespeare menziona San Valentino nell’Amleto (Ofelia – Di questo non parliamo, ve ne prego; ma quando vi dovessero richiedere di che si tratta, ditegli così: “Sarà domani San Valentino, ci leveremo di buon mattino, alla finestra tua busserò, la Valentina tua diventerò.”) e in Sogno di una notte di mezza estate (Buon giorno, amici. Da più mesi, ormai, passò la festa di San Valentino; s’accoppian ora gli uccelli di bosco? IV, I).

4Un bacio a San Valentino è considerato un portafortuna per tutto l’anno.

Cioccolato, fiori e amore

5Il primo biglietto di San Valentino registrato fu inviato nel febbraio 1415 dal duca Carlo d’Orléans. Egli inviò una lettera d’amore alla moglie dalla cella della prigione nella Torre di Londra dopo la Battaglia di Azincourt. È attualmente in mostra nel British Museum.

6 – Nel 1969 Papa Paolo VI cancellò la festa degli innamorati dal calendario ecclesiastico.

7San Valentino è il santo patrono degli innamorati. È anche il santo patrono dell’epilessia, dei dolori di ventre, dei saluti, dei viaggiatori, dei giovani e degli apicoltori.

8 – “L’Alto tribunale dell’amore” fu istituito a Parigi, in Francia, il 14 febbraio 1400 ed è la prima celebrazione ufficiale conosciuta di San Valentino. Composto giudici selezionati in base alla  loro affinità con la poesia d’amore, si occupava di contratti d’amore, violenza contro le donne e tradimenti.

9A San Valentino vince il cioccolato. Infatti il 35% degli italiani regalerà proprio la classica scatola di cioccolatini mentre il 30% regalerà il classico mazzo di fiori, in prevalenza rose rosse.

10 – In Italia, si spendono circa 30 euro a testa in media per rimanere fedeli all’usanza di regalare cioccolatini, fiori, oggetti.

11 – Secondo il Codacons a San Valentino gli italiani creano un giro d’affari di 350 milioni di euro (dati 2018).

12 – Nel mondo, San Valentino è il secondo giorno dell’anno (dopo Capodanno) in cui i ristoranti sono più trafficati.

L’amore plasma il cervello

13 – Quando si tratta di ansia, una relazione amorevole e stabile ne provoca meno rispetto ad una nuova storia d’amore. I ricercatori della State University di New York hanno usato le scansioni MRI funzionali (fMRI) per osservare il cervello delle persone innamorate. Hanno confrontato le nuove coppie appassionate con coppie a lungo termine fortemente connesse. Entrambi i gruppi hanno mostrato attivazione in una parte del cervello associata a un amore intenso.

E’ l’area della dopamina-ricompensa, la stessa che risponde alla cocaina. C’erano tuttavia differenze sorprendenti tra i due gruppi in altre parti del cervello. Nelle relazioni a lungo termine c’era anche un’attivazione nelle aree associate al legame e minor  attivazione nell’area che produce ansia. Lo studio è stato presentato alla conferenza del 2008 della Society for Neuroscience.

14 – Lo studio fMRI rivela un altro grande vantaggio per le coppie a lungo termine: più attivazione nella parte del cervello che mantiene il dolore sotto controllo. Un rapporto CDC integra questo risultato. In uno studio che ha coinvolto più di 127.000 adulti, le persone sposate o accompagnate da lungo tempo avevano meno probabilità di avere mal di testa e mal di schiena.

E riesce perfino a guarire

15 – L’amore di una relazione positiva può far guarire più rapidamente le ferite. I ricercatori del Medical Center della Ohio State University hanno studiato coppie sposate con ferite vescicolari, ricerca in seguito pubblicata su Archives of General Psychiatry.

Le ferite sono guarite quasi due volte più velocemente nei compagni che interagivano calorosamente rispetto a quelli che mostravano ostilità l’uno verso l’altro.

16 – Può sembrare ovvio che uno dei maggiori benefici dell’amore sia la gioia. Tuttavia la ricerca sta appena iniziando a rivelare quanto questo link possa essere forte. Uno studio nel Journal of Family Psychology mostra che la felicità dipende più dalla qualità delle relazioni col partner che dal livello di reddito.

E così abbiamo prove scientifiche che, almeno in qualche modo, il potere dell’amore vince sul potere del denaro.

Non basta amare qualcuno. Bisogna amare con coraggio. Bisogna amare in modo tale che nulla, né ladri, né influenze esterne, né leggi umane o divine possano interferire con questo sentimento.

Sándor Márai, L’eredità di Eszter

 

Scrivi a paolafinardi@agemony.com

Segui l’autore su Instagram

Leggi gli altri articoli qui autori/finardi-paola

 

Photo credits Reader’s Digest, Odisha Sun Times, Academia Barilla, holicoffee, pexels.com, instagram

Autore

Paola Finardi

Paola Finardi

Caporedattore di Agemony e Autore per la rubrica Youniverse, in cui si occupa di divulgazione nei vari campi della sfera psico-fisica umana. Mentre frequenta ..